Osteopatia e mal di schiena

Scritto da | · · · · · · · · · · · · | Dimagrimento · Dimagrire · mezieres · osteopatia · Palestra · Personal Trainer · Peso · Posturale · Salute

L’osteopata può intervenire sia per condizioni di lombalgia acuta che Subacuta. Si stima che almeno un 20% delle lombalgie possa guarire spontaneamente anche con il semplice riposo, quando ad esempio le cause scatenanti sono magari note come uno sforzo eccessivo, un nuovo sport o una camminata più lunga (rientriamo sempre nella casistica di quelle persone che appunto hanno uno stile di vita sedentario e quindi poco incline ad uno sforzo fisico).

Va ricordato inoltre che i nuovi approcci sia osteopatici che tradizionali indicano sempre una componente psichica, e di analizzare a fondo il modello Biopsicosociale, alla ricerca di fattori scatenanti che possono influire negativamente sulla gestione della Lombalgia, e sopratutto nella comparsa di recidive nel Dolore alla Schiena. Sarà importante approcciare inizialmente modificando alcune abitudini di vita, iniziare a prescrivere esercizi e comportamenti che possono migliorare poi il trattamento dell’Osteopata per la cura della lombalgia.
Bisogna iniziare a considerare l’Osteopata come un professionista che approccia il problema non solo dal disturbo, che in questo caso è appunto il mal di schiena lombare, ma da un punto di vista globale e sopratutto olistico. Non è importante dove si percepisce il dolore, ma quali sistemi hanno perso movimento, perso appunto la capacità di adempiere il loro compito. Esistono davvero una miriade di possibili fattori (Sesso, occupazione, età, tipologia e stile di vita, alimentazione e dieta, quantità di movimento o percentuali di sedentarietà, presenza di pregressi traumi, danni psichici e psicologici), e grazie alle enormi potenzialità di gestione dei compensi, riesce quasi sempre a trovare un equilibrio per non bloccare o intasare il sistema.

Per fare un esempio, pensiamo ad una persona anziana, che apparentemente gode di una salute buona, che con una semplice influenza si scompensa e la sua condizione precipita. Chiaramente non è l’influenza del peggioramento dei sintomi, ma la perdita di un equilibrio, precario che tutti i sistemi avevano prima dell’evento. Possiamo quindi comprendere come un Osteopata sia attento ad analizzare mediante una serie di Test Osteopatici, la situazione e tentare di ripristinare un equilibrio che in questo momento determina una Lombalgia e quindi un mal di schiena diffuso.

L’Osteopata e quindi tutta l’osteopatia, è una medicina complementare olistica che considera tutto il corpo come un unico sistema, non è pensabile l’uso di protocolli generici, o pensare di subire un trattamento identico a quello di un altro paziente, semplicemente perché è IMPOSSIBILE. L’osteopata valuterà caso per caso, metterà insieme i risultati dei suoi test, e giungerà ad una Diagnosi OSteopatica, che non è quella medica, ma una diagnosi composta da una CATENA LESIONALE, a ritroso, che porta alla spiegazione del sintomo doloroso, magari agendo su strutture distanti e apparentemente non collegate in maniera anatomica. Ecco Spiegato perchè una Lombalgia, può essere il risultato di una distorsione alla caviglia di 2 anni prima ad esempio, o un mal di testa, derivare da una intossicazione alimentare o un problema di cattiva digestione.

Tra le cause di una Lombalgia, possiamo individuare disturbi muscolari come l’infiammazione dello psoas, dei problemi a livello respiratorio che generano una contrattura del diaframma, oppure un disturbo a carico del piede o della caviglia (una distorsione della caviglia) che porta il soggetto a camminare in maniera non adeguata, portando in stress il ginocchio l’anca e il bacino (frequente è la comparsa del “Bacino Storto“) e la conseguente comparsa di dolori alla schiena. Possibili sono anche le cause viscerali, come appunto il colon che ha strette connessioni anatomiche e neurologiche con le strutture della colonna, le strutture muscolari come lo psoas, e quindi una cattiva motilità (troppo veloce o troppo lenta) determinano disturbi sia viscerali che sopratutto alla schiena.

L’osteopata che tratta una lombalgia approccia sempre il caso mediante una PALPAZIONE dell’addome alla ricerca di aree più dense, dolenti e contratture muscolari sempre alla ricerca della cattiva motilità del sistema, unendo come in un Puzzle complesso, i risultati dell’anamnesi, i risultati dei vari Test Osteopatici e infine analizzando le aree dolenti provenienti dalla palpazione.

L’osteopatia per lombalgia ha quindi tantissime frecce che vengono date nelle mani di un bravo Osteopata, che saprà miscelarle per raggiungere il risultato finale, ovvero la guarigione del paziente. Si avvarrà di Tecniche manipolative Strutturali (Trust articolari Vertebrali dette anche manipolazioni vertebrali) tecniche viscerali, Tecniche Muscolari (MET muscle energy Tecnique), Tecniche Miofasciali e Fasciali, Tecniche emozionali, tecniche Craniosacrali.ost